Il Cuore va Oltre

 

Mi hai raccontato che  un giorno stavi passeggiando per strada e hai incrociato lo sguardo di un bambino, lui ti ha guardato dalla testa ai piedi, ha rialzato gli occhi alla mamma che lo teneva per mano e le  ha detto: ” Cos’ha quel signore al posto della gamba?”. Lei l’ha tirato per la mano e gli ha urlato: “Non guardare”!

Sei tornato indietro, l’hai raggiunto, ti sei accovacciato e gli hai spiegato: “Non ho piu’ la gamba perche’  da piccolo non sono stato bene e mi hanno messo questa qui, ma io  sto benissimo,  posso fare tutto,  posso anche correre velocissimo.

Tu sei così, guardi in faccia i muri e li scavalchi.

A volte sono un po’ giu’ passo a trovarti e tu mi dai la carica, mi dici di continuare a inseguire i miei sogni, di non mollare, di fare un passo oltre… Che se uno senza una gamba e’ diventato un atleta che corre i 100 metri in uno stadio, allora niente e’ impossibile.

La testa ci mette davanti degli ostacoli, il cuore va oltre.

Eccovi, dentro i sogni che state realizzando.

Massimo e Rossella…